Enzo Fileno Carabba

Ha scritto romanzi pubblicati in Italia e all’estero, racconti, sceneggiature radiofoniche, libri per bambini, libretti d’opera. Nel 1990 ha vinto il Premio Calvino col romanzo Jakob Pesciolini (Einaudi 1992), primo volume di una ideale trilogia fantastica che comprende: La regola del silenzio (Einaudi 1994) e La foresta finale (Einaudi 1997). Viaggiando nell’immaginazione è approdato alla realtà: il lato oscuro e quello luminoso si fronteggiano nel romanzo Pessimi segnali (Gallimard 2003, Marsilio 2004) e nella narrazione autobiografica La zia subacquea e altri abissi famigliari (Mondadori 2015). Tra le sue pubblicazioni segnaliamo anche Con un poco di zucchero (Mondadori 2011) e Attila (Laterza 2000, Feltrinelli 2012). Nel 2017 è uscita una saga fantastica per ragazzi: Fuga da Magopoli e Battaglia a Magopoli (Marcos y Marcos). Del 2019 è Storie fantastiche di paura (Giunti), liberamente tratto dalle ottocentesche Novelle della Nonna di Emma Perodi, che contiene anche racconti di Anna Maria Falchi e Marco Vichi. Nel 2021 esce Vite sognate del Vasari (Bompiani). Collabora al Corriere Fiorentino, testata per cui ha scritto, tra l’altro, cinquecento storie d’amore. Nel febbraio 2022 ha pubblicato Il digiunatore (Ponte alle Grazie), romanzo che ha vinto il Premio Comisso.