Guardare il mondo - campus ragazzi II

Docente

Data
20 giugno 2022

Durata

10:00 - 12:30 / pausa pranzo al parco / 14:00 - 16:30


Quando

dal lunedì al venerdì, dal 20 al 24 giugno


Modalità
In presenza

Costo
280
AcquistaAcquista con bonificoRegala

Presentazione
sabato 28 maggio
Prenota incontro

Castelli di parole, capriole poetiche, lettere (im)possibili, cronache dal sé e cronache dal mondo: scrivere è un gioco multiforme, un’avventura aperta ai modi e alle curiosità di tutte e tutti. Non occorre essere “bravi”, tantomeno fotogenici o spigliati per imbarcarsi nel viaggio di scoperta e condivisione che è la scrittura. Basta avere un corpo per sentire, emozioni a cui attingere e la voglia di capire quel che ci circonda. “Guardare il mondo” è un campus estivo di scrittura dedicato alle ragazze e ai ragazzi dagli 11 ai 15 anni. Un’occasione per stare insieme, attivare l’immaginazione, far germogliare le idee e le storie. 

Il campus di scrittura si terrà dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 16:30 alla scuola Belleville in via Carlo Poerio 29.

Dal 13 al 17 giugno è in programma la prima settimana di campus. Il programma completo è qui. Chi desidera iscrivere il proprio figlio/a a entrambe le settimane può scrivere una mail ad amministrazione@bellevillelascuola.com. Il costo complessivo per entrambe le settimane è di 500,00 euro.


Enrico Ernst è nato nel 1970 a Milano. Laureato in Filosofia, ha scritto due pièce teatrali per Quelli di Grock e Atir, sessanta micro-racconti di argomento mitologico (Mythos, DeA), sei romanzi per ragazzi DeAgostini (serie Gli aspiranti Dei), due libri di narrativa scolastica (Il canto delle Muse e Ragazze e ragazzi nella storia). Il suo ultimo romanzo è Iole Sofia e il mistero delle maschere (La vita felice, 2018). Da quattordici anni insegna scrittura nelle scuole, nelle biblioteche, nei centri culturali, a Milano e dintorni.

Programma

20giugno2022
Oggi tratteggiamo: un personaggio
Che occhi ha il mio protagonista? Come porta i capelli? E che tipo di scarpe indossa? Ci lasceremo ispirare da alcuni esempi tratti dalla storia della letteratura. Chiuderemo gli occhi. Ecco, lo vedi? Ci faremo condurre da ritagli di vecchie riviste; descriveremo e trasformeremo il nostro eroe o eroina (o il nostro anti-eroe), immaginando per lui o per lei una metamorfosi emozionante e inaspettata.
10:00 - 12:30 / pausa pranzo al parco / 14:00 - 16:30

21giugno2022
Oggi descriviamo: un ambiente
Piccolo tour del quartiere, taccuino alla mano, e stop in tre luoghi: appuntiamo tutto ciò che può servire per ricordarli ed evocarli. Quali elementi è utile selezionare per trasmettere l’“idea” di un ambiente? Usiamo la scrittura come una macchina da presa: dettagli, primi piani, campi lunghi… Ciascuno sceglierà il luogo che più lo ha colpito, quindi vi ambienterà una storia. (Una parte della lezione si svolgerà all’aperto).
10:00 - 12:30 / pausa pranzo al parco / 14:00 - 16:30

22giugno2022
Oggi orchestriamo: un dialogo
Al telefono, in bus, a tavola, in classe o sul divano: parlare - con gli amici, i parenti, con noi stessi - è una delle attività che più ci appassionano e ci caratterizzano in quanto esseri umani. Per provare a conoscerci un po’ più a fondo, riportiamo un dialogo esemplare tratto dalle nostre vite reali. Nella seconda parte della lezione ci lasceremo guidare dalla sorte in “Dammi una storia, dei personaggi e li farò parlare”.
10:00 - 12:30 / pausa pranzo al parco / 14:00 - 16:30

23giugno2022
Oggi scriviamo: un incipit
All’inizio, sul foglio bianco, tutte le storie sono possibili, nessuna esclusa. Poi qualcuno si butta: comincia. “L’uomo si fermò in mezzo alla via e si tappò gli occhi con le mani…” Ah, ecco, c’è una storia all’orizzonte. Che storia è? Chi è il protagonista? Dove è diretto? Scopriamo insieme i mille modi in cui si può “dare inizio” al racconto. Sarà il caso, poi, o la visione, a guidare i nostri passi.
10:00 - 12:30 / pausa pranzo al parco / 14:00 - 16:30

24giugno2022
Oggi scopriamo: una storia, la tua
Guardare il mondo è un’esperienza soggettiva. Luoghi e persone generano in ciascuno di noi sensazioni uniche: l’attenzione di uno indugia su dettagli che un altro non registra neppure; le nostre esperienze fanno sbocciare storie che nessuno - a parte noi - potrebbe inventare. Usciamo dunque, per dar modo a ciascuno di presentare agli altri gli speciali “pezzi” di mondo che osserva. Poi tutti in classe a inventare storie. (Una parte della lezione si svolgerà all’aperto.)
10:00 - 12:30 / pausa pranzo al parco / 14:00 - 16:30